Flyer BGP_casting call 21.07.png
 

RESILIENT
un film basato su una storia realmente accaduta

Background Players casting NOW in Alto Adige:


per la regia di Roberto Faenza.     Periodo di lavorazione: 24 agosto - 17 ottobre 2020

La Jean Vigo Italia sta portando avanti un progetto che vuole celebrare Mario Capecchi, uno dei premi Nobel per la medicina più importanti della storia. Tra le varie iniziative che lo riguardano, la Jean Vigo ha in preparazione un film sulla sua vita, o meglio sulla sua infanzia.

Nato a Verona da padre italiano (il militare Luciano Capecchi) e da madre statunitense (l’artista Lucy Ramberg), Mario Capecchi rimase presto orfano di padre, dato per disperso in Libia; la madre si fece ben presto notare per la sua attività antifascista e antinazista, tanto che – quando Mario aveva 5 anni – fu arrestata dalla Gestapo e deportata a Dachau. La madre, avendo previsto l'accaduto, era riuscita ad affidare Mario ad una famiglia di contadini, cui aveva dato i mezzi economici per mantenere suo figlio. Ma la guerra consumò rapidamente il denaro destinato a Mario, abbandonato dopo un anno dalla famiglia che non poteva più mantenerlo. Il bambino raggiunse a piedi, e con mezzi di fortuna, la città di Verona alla ricerca del padre che riuscì a trovare. Rifiutato da questi, continuò il suo vagabondaggio fino ad entrare in una banda di ragazzini di strada che sopravvivevano rubacchiando. Nel 1945 si ammalò di tifo e, raccolto da un ignoto "samaritano", si ritrovò in un ospedale di Reggio Emilia dove la madre, liberata da Dachau, poté ritrovarlo. Da Reggio Emilia il trasferimento negli Stati Uniti dove, dopo un periodo difficile di adattamento e di ritorno ad una vita normale, cominciò gli studi fino a laurearsi e vedersi insignito, nel 2007, del Premio Nobel per la medicina. In quella occasione, gli fu chiesto di raccontare la sua storia, la storia cioè di un bambino che ha un’infanzia difficile ma che ce la fa, un bambino che non si arrende dinanzi a nessuna difficoltà, proprio perché potesse essere di incoraggiamento a tutti.

Il film vedrà dunque, tra i suoi protagonisti, dei ragazzi. La regia è affidata a Roberto Faenza, da sempre attento al mondo dell’infanzia come si evince in tante sue opere, tra le quali citiamo per tutte “Jona che visse nella balena”.

Di seguito le caratteristiche dei bambini e dei ragazzi che stiamo cercando:


MARIO PICCOLO: Età 5/8anni

MARIO GRANDE: Età 10/13 anni

FRANK: una bambina di 13/16 anni

 

Tel. +39 320 1184619

Mw.St.Nr/P.IVA nr.: 02883470219